anticipazioni e diretta 2 luglio 2019


Seconda parte dell’intervista di Franca Leosini ad Antonio Ciontoli, in prigione per l’omicidio di Marco Vannini.

L’intervista di Franca Leosini ad Antonio Ciontoli, accusato e condannato per omicidio colposo ai danni del ventenne Marco Vannini, fidanzato della figlia Martina, continua questa sera, martedì 2 luglio, in prima serata su Rai 3 e noi la seguiremo live su TvBlog a partire dalle 21.20.

La prima parte, serrata e tesa, è andata in onda domenica 30 giugno e si è conclusa con il momento della morte di Marco, avvenuta alle 3 della notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 nell’ospedale di Ladispoli, a quattro ore dal colpo di pistola che Ciontoli ha esploso inconsapevolmente – dice – e di cui ha sottovalutato la gravità – aggiunge -, avviluppandosi in una catena di “tragici errori” – come li definisce lui – che hanno portato alla morte del ventenne, trapassato da un proiettile negato per ore.

Ed è proprio di “Quel colpo che arriva al cuore” che si parla in questa seconda parte: dalla cronologia degli eventi avvenuti a casa Ciontoli raccontati dal capofamiglia si passa a scandagliare le dichiarazioni, le testimonianze e le intercettazioni raccolte dagli inquirenti quella notte, subito dopo la morte di Marco. Un’altra sequela di mezze verità, di versioni apparentemente aggiustate, di misteri sulle responsabilità reali di tutti i membri della famiglia Ciontoli e non solo di Antonio che dichiara di aver sparato e di aver commesso una serie di incomprensibili “stupidate”.

Si cerca, quindi, di ripercorrere l’iter processuale che ha visto in primo grado Antonio Ciontoli condannato a 14 anni di reclusione –  con 3 anni per omicidio colposo comminati alla moglie Maria Pezzillo e ai figli Martina e Federico -, pena poi ridotta in Appello (lo scorso gennaio) a 5 anni per omicidio colposo (confermati invece i tre anni agli altri membri della famiglia). Lui che dichiara di voler pagare fino in fondo per il dolore che ha causato ha intanto fatto ricorso alla Corte di Cassazione per tentare di eliminare l’aggravante di colpa cosciente e ottenere una ulteriore riduzione della pena. Anche il resto della famiglia Ciontoli ha fatto ricorso, puntando al favoreggiamento personale, non punibile visti i rapporti di familiarità, o alla ‘semplice’ omissione di soccorso, casi che porterebbero anche a loro uno sconto di pena.

C’è però attesa per capire se e come la Leosini, che nella prima parte si è mantenuta su livelli di asciuttezza narrativa ultimamente rari, affronterà i sospetti sul figlio Federico ed entrerà nelle ultime indagini della Procura di Civitavecchia, il luogotenente dei Carabinieri Roberto Izzo, amico di Ciontoli, accusato di favoreggiamento e falsa testimonianza in base al racconto di un un commerciante di Tolfa, Davide Vannicola, secondo il quale Ciontoli avrebbe coperto il figlio Federico, su suggerimento di Izzo. Ma i primi riscontri negherebbero questa ricostruzione: di certo la Leosini chiederà conto delle telefonate fatte quella notte; vedremo se e come includerà nel racconto anche Izzo e Vannicola.

L’appuntamento è per le 21.20 su Rai 3 e in live blogging su TvBlog.

 



http://www.tvblog.it/rss2.xml

Cabine Armadio Componibili

www.lorodipulcinellabolzano.it