“Apple testa schermi cinesi per l’iPhone del 2020”


ROMA – Gli iPhone del 2020 potrebbero avere un display “made in China”. Secondo quanto riferisce il quotidiano asiatico Nikkei, Apple sta infatti testando i pannelli prodotti da un’azienda cinese, la Boe. Si tratta di schermi Oled e flessibili, con cui la compagnia di Cupertino potrebbe ridurre la dipendenza da Samsung.


"Apple testa schermi cinesi per l'iPhone del 2020"

Boe, già fornitrice dello schermo per lo smartphone pieghevole di Huawei (il Mate X), è tra i produttori di display che – riporta Nikkei – hanno ricevuto cospicui finanziamenti dal governo cinese nel corso dell’ultimo decennio per poter diventare competitivi con le coreane Samsung e Lg. Stando alle fonti citate, Apple sta “testando in modo aggressivo” gli schermi di Boe, e dovrebbe prendere una decisione entro l’anno.

Sulla partita potrebbe però pesare la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Boe infatti annovera tra i suoi fornitori le statunitensi Corning, 3M e Applied Materials. Come osserva Nikkei, se gli Usa decidessero di inserire Boe nella “lista nera” del commercio alla stregua di quanto fatto con Huawei, impedendo alla società di acquistare prodotti e servizi da aziende americane, la compagnia cinese ne sarebbe duramente colpita.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA