Basket, Nba: rovinoso ko per Golden State, Walker stende i Celtics


ROMA – Clamorosa e inattesa sconfitta interna per i Warriors che si sono dovuti piegare ai Dallas Mavericks, penultimi in classifica a Ovest, con il pesante punteggio di 126-91. Era dal 2007 che Golden State non subiva un passivo così pesante. Il ko è costato anche la testa della classifica nella Western Conference dove ora è balzata in vetta Denver. Nelle altre sfide giocate nella notte italiana, gli Hornets hanno vinto 124-117 su Boston grazie a un super Kemba Walker e continuano a sognare i playoff. E così pure Miami che ha vinto contro i Wizards 113-108 e resta aggrappata all’ottavo posto a est. Passo in avanti anche per i Kings che hanno battuto i Suns 112-103 e si sono avvicinati agli Spurs, ottavi a ovest.

Warriors “presi a pugni” da Dallas

Alla Oracle Arena, i Warriors (49-23) subiscono una pesante punizione dai Mavericks (29-44), rimediando anche la peggior sconfitta casalinga nell’era di Steve Kerr. Un ko che inoltre fa tornare Denver in vetta alla Western Conference con mezza gara di vantaggio sulla stessa Golden State. Irriconoscibili i campioni in carica e a nulla sono serviti i 25 punti di Kevin Durant e i 19 di DeMarcus Cousins, e senza Stephen Curry, tenuto a riposo. Tra i Mavs, invece, protagonisti Dirk Nowtizki (21) e un Luka Doncic (tripla doppia da 23 punti, 11 rimbalzi e 10 assist). Non c’è mai stata gara con i texani partono a mille, con Nowtizki che infila 10 punti nei primi 4 minuti e regala ai suoi il 22-7 che impone ai padroni di casa il time out d’emergenza. Ma la reazione non arriva: è 37-22 alla prima sirena del match, vantaggio che arriva fino al 74-46 all’intervallo. In apertura di terzo quarto, le triple di Nowitzki portano Dallas sul +30 e a uno score che dice: 87-53, mentre Ryan Broekhoff (17) firma +40 (108-68) che mette l’ipoteca con 12′ d’anticipo, chiudendo inoltre la striscia negativa di 3 gare dei Mavericks. “Ci hanno presi a pugni”, il commento finale di Draymond Green.


Basket, Nba: rovinoso ko per Golden State, Walker stende i Celtics

Kemba Walker al tiro contro Boston

Walker ribalta Boston

I Celtics, dopo un primo tempo equilibrato, nel terzo quarto prendono possesso dal match contro Charlotte e arrivano addirittura a +18 a otto minuti dalla fine. Una partita in pratica già vinta però si trasforma in una clamorosa sconfitta per la squadra ospite. I Celtics, infatti, smettono di giocare, diventano prevedibili in attacco e non riescono più a tenere un super Kemba Walker che prende per mano i rimaneggiati Hornets e li porta a un incredibile successo. Walker infatti firma 18 punti negli ultimi otto minuti del match, mentre Boston va in tilt. Si arriva a un parziale di 30-5 che spinge gli Hornets al successo. I padroni di casa passano a condurre con la tripla di Walker a 1’19” dalla sirena e poi chiudono i conti con i liberi di Williams e di un immenso Kemba Walker nei secondi finali. 124 a 117 il punteggio.

Wade trascina Miami

Ci pensa il veterano di Miami, Dwyane Wade, a stendere i Wizards, grazie a uno splendido quarto periodo. Wade infatti realizza 11 dei suoi 20 punti nella frazione finale e così Miami, al suo quarto successo nelle ultime cinque gare, resta in ottava posizione con una gara di vantaggio sui Magic a Est. Sotto di 10 lunghezze negli ultimi tre minuti di gara, i Wizards con un parziale di 7-0 spaventano la squadra delle Florida ma la schiacciata di Olynyk, ottimamente imbeccato da Wade, a 16” dalla sirena mette al sicuro gli Heat che si impongono 113 a 108.


Basket, Nba: rovinoso ko per Golden State, Walker stende i Celtics

Dwyane Wade

Hield da record per i Kings

I Kings (36-36) centrano la seconda vittoria consecutiva contro i Suns (17-57), grazie a un Buddy Hield da record, autore di 25 punti col 7/14 dall’arco, che gli permette di diventare il giocatore con più triple a segno (245) in una stagione superando il Peja Stojakovic (240) del 2003/2004. Phoenix si affida al solito Devin Booker (32) ma crolla definitivamente negli ultimi tre minuti di match quando i californiani chiudono i conti con un break di 12-6, trascinati dai 7 punti di Harrison Barnes (25 totali), e alla fine fissano il punteggio sul 112 a 103.

Tutti i risultati

Questi tutti i risultati della regular season del campionato Nba: Charlotte Hornets-Boston Celtics 124-117; Washington Wizards-Miami Heat 108-113; Atlanta Hawks-Philadelphia 76ers 129-127; Chicago Bulls-Utah Jazz 83-114; Memphis Grizzlies-Minnesota Timberwolves 99-112; Golden State Warriors-Dallas Mavericks 91-126; Portland Trail Blazers-Detroit Pistons 117-112; Sacramento Kings-Phoenix Suns 112-103.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica