Bebe Vio da Manuel Bortuzzo: “Il dono più bello della vita, il sorriso”


ROMA – “Il dono più bello della vita ‘IL SORRISO’. Non è mai finita se non lo decidi tu, energia pura, gradita visita di Bebe Vio campionessa di vita”. Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore rimasto su una sedia a rotelle dopo essere stato colpito da un colpo di pistola per un errore di persona ha ricevuto alla Fondazione Santa Lucia, dove sta proseguendo la riabiliazione, la visita di Bebe Vio. Su facebook, la foto che li ritrae assieme abbracciati postata dal papà di Manuel, Franco.

D’altra parte fra i due si era instaurato subito un feeling, il ragazzo aveva già detto che si “sarebbe ispirato a Bebe Vio” mentre la campionessa di scherma gli aveva dedicato la vittoria al mondiale di fioretto.

Il giovane nuotatore era tornato per la prima volta al centro federale di Ostia dove si allenava prima della disgrazia ed aveva fatto vedere di che pasta è fatto. “Come mi vedo fra 10 anni? – ha risposto ad una domanda –  Spero in piedi. Per guardare avanti non bisogna guardare indietro, la mia vita è sempre la stessa. C’è un problema logistico ma sono quello di sempre. Potevo battere la testa e non essere più me stesso”. E poi, il sogno olimpico che nonostante tutto resta in cima ai suoi pensieri: “Sì, le Olimpiadi, non le Paralimpiadi. Il sorriso c’era prima e c’è adesso, non sono cambiato. Manuel che piange è molto raro ma ci sono stati momenti, soprattutto a inizio terapia, in cui non riuscivo nemmeno a girarmi sul lettino. Lì sono stato colpito da un po’ di sconforto ma ora ci rido su, perché riesco a girarmi benissimo. Sono fortunato che mi sono ripreso al 110 percento. Ok, non ho più l’uso delle gambe, ma sopra sono perfetto. Forse il terrore più grande era quello di non tornare più me stesso”.
 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica