Carlo Freccero, l’addio a Raidue “Con il nastro rosa”


Carlo Freccero ed un anno vissuto pericolosamente

Inseguendo una libellula in un prato

Un giorno che avevo rotto col passato

Quando già credevo di esserci riuscito

Son caduto

Una frase sciocca, un volgare doppio senso

Mi ha allarmato, non è come io la penso

Ma il sentimento era già un po’ troppo denso

E son restato

Chissà, chissà chi sei

Chissà che sarai

Chissà che sarà di noi

Lo scopriremo solo vivendo

Comunque adesso ho un po’ paura

Ora che quest’avventura

Sta diventando una storia vera

Spero tanto tu sia sincera

Il magazzino che contiene tante casse

Alcune nere, alcune gialle, alcune rosse

Dovendo scegliere e studiare le mie mosse

Sono all’impasse

Mi sto accorgendo che son giunto dentro casa

Con la mia cassa ancora con il nastro rosa

E non vorrei aver sbagliato la mia spesa

O la mia sposa

Chissà, chissà chi sei

Chissà che sarai

Chissà che sarà di noi

Lo scopriremo solo vivendo

Comunque adesso ho un po’ paura

Ora che quest’avventura

Sta diventando una storia vera

Spero tanto tu sia sincera

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Chissà chi sei

Compositori: Lucio Battisti / Mogol



http://www.tvblog.it/rss2.xml

Cabine Armadio Componibili

www.lorodipulcinellabolzano.it