Catch-22, Kyle Chandler e Grant Heslov parlano dei loro personaggi


Il cast di Catch-22 era presente all’anteprima romana della miniserie. Abbiamo incontrato Kyle Chandler e Grant Heslov che ci hanno raccontato il loro ruolo nella miniserie.


L’ironia è il tono più adatto per raccontare questa storia Kyle Chandler è un grande fan del romanzo e della miniserie che lo vede protagonista. Ci invita (e invita tutto il pubblico) infatti a leggere il romanzo di Joseph Hessler quando lo incontriamo durante la presentazione romana di Catch-22.

Non c’è nulla di divertente nella guerra” sottolinea Chandler durante la veloce chiacchierata “ma Heller, che era un bombardiere quindi conosceva questo mondo, e poi chi ha scritto, prodotto e diretto questa serie, doveva trovare il tono giusto per raccontare questa storia che unisce la follia della burocrazia e della guerra“.

All’interno di Catch-22 Kyle Chandler è il colonnello Catharat responsabile dei piani di volo dei soldati della base “sta provando a tutti i costi a mettersi in mostra per diventare generale e proprio per questo aumenta il numero di missioni a alto rischio“.

Un personaggio che rappresenta proprio questa burocrazia militare “gli adulti che da dietro le loro scrivanie mandano in missione i più giovani” alla fine però, sottolinea Chandler, tutti “devono fare i conti con la folle realtà della guerra” e ciascuno di loro per la loro parte, provano a trovare un modo per sopravvivere in questo mondo “i più giovani, come il protagonista, provano a scappare dalla guerra, mentre gli altri come il mio personaggio, hanno ormai abbracciato questa realtà e fanno di tutto per conviverci“.

Se Kyle Chandler è un colonnello, la figura da combattere per il nostro protagonista YoYo, Grant Heslov è il medico della base quello cui si rivolge per provare a scappare dalla follia della guerra “e quando ci va vicino perchè rimane ferito ai ‘testiculare’ (come dice l’attore, ndr.) è quasi malato ma non può tornare a casa“.

Heslov non è solo attore ma anche regista e produttore accanto a George Clooney e, come si può vedere anche nel video in apertura della chiacchierata fatta durante l’anteprima romana, si è divertito molto a lavorare in questo progetto e ha finalmente capito cos’è questo Comma 22.

Ma per scoprirlo dovete vedere la miniserie!“.

Le domande sono state realizzate in collaborazione con Laura Molinari



http://www.tvblog.it/rss2.xml