Champions, Guardiola non si fida dello Schalke: ”Può succedere di tutto”


MANCHESTER – ”Non siamo già qualificati, non mi piace ragionare così. In 90′ può succedere di tutto”. Pep Guardiola resta cauto e, nonostante il successo per 3-2 nella sfida d’andata in Germania, non si fida affatto dello Schalke 04. Le rimonta dei cugini dello United e dell’Ajax nei confronti di Psg e Real Madrid insegnano.

”NON ABBIAMO ESPERIENZA” – Eppure, anche alla luce di queste eliminazioni eccellenti, molti danno proprio il City come favorita per la Champions. ”Non mi sento sotto pressione perché devo vincere questo trofeo – replica Guardiola -. La pressione c’è perché vogliamo fare un buon lavoro, giocare meglio partite come quarti e semifinali ed evitare gli errori del passato. In Champions si viene immediatamente puniti a causa della qualità degli avversari. Non è un gioco diverso, ma è comunque molto speciale. All’andata lo Schalke ha tirato in porta due volte e ha segnato due gol, a questo punto avremmo potuto anche essere sotto 3-1 o 4-1. In Champions non abbiamo tanta esperienza. Detto questo bisogna sognare, puntare in alto e allo stesso tempo accettare che ci sono altre squadre molto forti che hanno lo stesso obiettivo”.

GUNDOGAN: ”NO DISTRAZIONI” – Al fianco del tecnico catalano c’è anche Ilkay Gündogan. ”Lo Schalke deve solamente segnare due gol, quindi non possiamo distrarci – avverte il centrocampista tedesco – Dobbiamo scendere in campo per vincere e sono convinto che possiamo fare bene. Superando il turno raggiungeremmo i quarti, come nella scorsa stagione, nulla di più, e poi in quel caso aspetteremmo il nome della nostra prossima avversaria. Ma è inutile parlarne ora, perché non ci siamo ancora qualificati”.