Ciclismo, in diretta la Milano-Sanremo


Si corre oggi l’edizione numero 110 di una delle classiche più attese, una corsa tradizionalmente poco pronosticabile. Fari puntati sul duo della Deceuninck-Quick Step composto da Julian Alaphilippe ed Elia Viviani. Il francese (terzo due anni or sono) è perfetto per sparigliare le carte sul Poggio. Il campione d’Italia invece è quello per lo sprint, a patto di eliminare le tossine che inevitabilmente affaticano i polpacci dei velocisti lungo infiniti 291 km. L’altra coppia è quella è quella della UAE Emitates, formata da Fernando Gaviria e Alexander Kristoff. Quest’ultimo, norvegese, sa come si fa anche se il suo successo alla Sanremo è datato 5 anni.

Gli altri possibili protagonisti – Peter Sagan vive una situazione paradossale. Il fatto di non avere ancora brillato in stagione non gli ha tolto il ruolo di grande favorito: classe e genialità non gli mancano, e c’è pure un certo debito con la sorte. I secondo posti contro Ciolek nel 2013 dopo una giornata meteorologicamente infernale e contro Kwiatkowski (il polacco sarà un altro cliente difficile per tutti) ancora suonano come una beffa tremenda.
E poi c’è Vincenzo Nibali, il campione uscente. Sinceramente pretendere un bis dopo l’eccezionale impresa di 12 mesi fa sembra troppo. Sognare però non costa niente, e poi lo Squalo (che potrà anche puntare sull’appoggio tattico di gente affidabile come Mohoric e Colbrelli) di sicuro troverà un pertugio per posizionare il suo agguato.

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica