Cresce il mercato dei wearable, boom delle cuffie senza fili


SMARTWATCH, bracciali sportivi e soprattutto cuffie e auricolari smart: vanno forte i gadget indossabili, sostengono gli analisti Idc, che hanno registrato un incremento del 27,5% su base annua, con le consegne mondiali sui 172,2 milioni di unità nel 2018. Gli auricolari e le cuffie smart dotati di assistente vocale – come gli AirPods di Apple, Pixel Buds di Google e le QC35II di Bose – hanno rappresentato l’anno scorso quasi un quarto delle consegne complessive di dispositivi indossabili.

“Il mercato è cresciuto notevolmente e prevediamo che continuerà a farlo”, spiega l’analista Jitesh Ubrani, secondo cui “è il prossimo campo di battaglia per le aziende”, anche perché il jack per le tradizionali cuffie con il filo è sempre meno presente sugli smartphone. “Considerando l’integrazione di assistenti virtuali e sensori biometrici, le aziende hanno la formula perfetta per vendere ai consumatori un dispositivo complementare a quelli che hanno in tasca e al polso”, cioè smartphone e smartwatch.

Gli smartwatch si confermano il prodotto di punta dei dispositivi indossabili. L’anno scorso le consegne sono aumentate del 54,3%. Quasi un dispositivo indossabile su tre (29,8%) commercializzato nel 2018 era un orologio smart. Circa la metà del mercato è in mano a Apple e al suo Apple Watch.