È successo in TV – 12 maggio 1995: il piccolo schermo sconvolto dalla scomparsa di Mia Martini


Oggi nel passato: 24 anni fa l’addio a Mimì. La notizia annunciata dai telegiornali e i vari tributi televisivi


Domenica Rita Adriana Bertè, questo era il vero nome di Mia Martini. In una storia fatta di successi musicali (da Piccolo Uomo, Minuetto, Almeno tu nell’universo, Gli uomini non cambiano giusto per citarne alcuni) e ombre subìte tra vita privata e professionale, la sua scomparsa improvvisamente ferma l’Italia davanti ai telegiornali (video in alto) che, sommessamente, diramano la drammatica notizia.

Domenica 14 maggio 1995, dopo che per diversi giorni l’artista non rispondeva, Mia Martini fu ritrovata senza vita nell’appartamento di Cardano al Campo (Varese), in cui la cantante risiedeva da qualche tempo, per poter stare vicino al padre, dopo una riappacificazione con lui. Il corpo esanime dell’artista venne trovato nel suo letto, in pigiama, con le cuffie alle orecchie e il braccio verso un telefono.

Nelle prime ore dalla notizia i due contenitori domenicali in diretta di Rai 1 (Domenica IN) e di Canale 5 (Buona Domenica) modificano parzialmente il corso della loro trasmissione tributando un omaggio alla cantante. Nel giorno del suo funerale esattamente alle 16:30 tutte le radio italiane hanno trasmesso uno dei suoi grandi successi.

Nei mesi e anni successivi la tv non dimentica la figura e la storia di Mimì, quattro giorni dopo la notizia, il 18 maggio 1995 la trasmissione Temporeale condotta da Michele Santoro, in onda su Rai 3 le dedica un’intera puntata.

Due mesi dopo, il 20 luglio, Rai 2 trasmette da Lamezia Terme Mille voci per una voce, condotto da Andrea Giordana e Myriam Fecchi partecipano numerosi artisti del mondo della canzone, tra cui Pierangelo Bertoli, Bruno Lauzi, Peppino Di Capri, Mariella Nava, Rosa Martirano, Mimmo Cavallo e altri ancora.

Nel 1996 Paolo Limiti conduce su Rai 3 Ciao Mimì, dove vengono riproposti filmati di repertorio con i racconti e le testimonianze di chi ha conosciuto l’artista come Dori Ghezzi, Enzo Gragnaniello, Alba Calia, Luciano Tallarini, la sorella Loredana Bertè e Marisa Laurito.

Dallo stesso anno ad oggi, Rete 4 ha mandato in onda, in varie fasce orarie, una serie di speciali televisivi a cura di Paolo Piccioli: Chiamatemi Mimì, Notte Mimì, Mimì sarà, Le canzoni di Mia Martini, con tutti i passaggi televisivi presenti negli archivi Mediaset, o trasmessi da altre tv estere.

Nel 2000 la trasmissione di Giovanni Anversa, Racconti di vita, dedica una puntata alla figura di Mia Martini. Altri tributi televisivi sono stati realizzati da Vincenzo Mollica per il Tg1, Giovanni Minoli per la trasmissione La storia siamo noi, mentre su Rai 2 va in onda uno speciale Tg2 Dossier, su Mia Martini, Gabriella Ferri e Dalida intitolato Voci spezzate. Anche Stefania La Fauci, 10 anni dopo la scomparsa di Mia Martini, nel 2005, dedicò due puntate del suo programma Successi alla storia della cantante con racconti e testimonianze.

Cinque anni dopo, nel 2010, durante la terza serata del Festival di Sanremo condotto da Antonella Clerici, dedicata ai sessant’anni del Festival, Fiorella Mannoia ed Elisa (ospiti della serata) cantano insieme Almeno tu nell’universo. Ed ogni anno il Festival di Sanremo la ricorda con il ‘premio Mia Martini’, il premio della critica istituito proprio per lei nel 1996.

Nel 2012 va in onda in prima serata su Rai1 Per sempre Mia, quarta e ultima puntata del ciclo I grandi della musica. Al programma tra gli altri partecipano Loredana Bertè, Mietta, Marco Masini, Enzo Gragnaniello, Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo.

Una storia dannata quella di Mia Martini, Una morte che ha lasciato attoniti, forse anche più di tutte quelle maldicenze su di lei. Ma il suo talento, la sua voce, la sua personalità, quelle sono e saranno per sempre immortali.



http://www.tvblog.it/rss2.xml