Empoli-Parma, Iachini: ”Castellani nostro fortino”. D’Aversa: ”Siamo in flessione”


EMPOLI – Non è uno scontro diretto ma poco ci manca. Posta in palio importante in Empoli-Parma, in programma sabato alle ore 15. Da una parte Iachini cerca di allungare sul Bologna terzultimo (attualmente a -3 dai toscani) puntando in particolare sul fattore interno, dall’altra D’Aversa, seppur in una posizione di classifica più tranquilla, vuole chiudere il momento negativo dei ducali, reduci da un solo punto nelle ultime 5 gare.

Iachini: “Castellani fortino”

“Dovremo fare una gara attenta e organizzata. Il Parma è una squadra che ha vinto tante volte fuori casa, hanno giocatori come Gervinho e Biabany che sono fortissimi”. Queste le parole di Iachini che chiede sostegno al campo amico (al Castellani sono arrivati 17 dei 21 punti in classifica): “Il nostro campo è il nostro fortino e qui dobbiamo costruirci le nostre chance per la salvezza – dice il mister -. L’apporto dei nostri tifosi è fondamentale. Detto questo stiamo lavorando anche sulle gare in trasferta, ci siamo andati vicino a Cagliari e a Ferrara. Dobbiamo crescere perché servono i punti anche fuori”. L’allenatore azzurro spiega poi la recente esclusione di Traore: “E’ un bambino, anche se è un ragazzo maturo. Se pensiamo che possa fare 30 partite consecutive con lo stesso rendimento ci sbagliamo. Ci sono normali avvicendamenti tra chi sta meglio e chi ha tirato la carretta, è solo una questione di alternanza. Con Junior abbiamo parlato, è normale un momento di pressione, le scelte fanno parte di una squadra. Traore non è disturbato dalle voci, noi andiamo avanti come sempre”. Chiusura su Caputo: “Per Ciccio lavoriamo in settimana anche con alcuni allenamenti personalizzati. Fisicamente sta benissimo ma da un anno e mezzo gioca a centro all’ora e certi momenti ci possono essere. E’ il nostro capocannoniere e non si discute, attraverso qualche lavoretto speriamo di riportarlo in tranquillità e di farlo rendere al meglio”.

D’Aversa: ”Momento delicato”

Nonostante gli 11 punti di vantaggio sul Bologna, Roberto D’Aversa non si sente al sicuro. Anche perché il suo Parma ha avuto un rallentamento: appena un punto nelle ultime 5 gare. Il tecnico ducale non si nasconde: “E’ un momento di flessione che tutti in Serie A hanno prima o poi attraversato, sta a noi riprendere a fare punti per la salvezza. Fino alla gara contro l’Udinese si faceva di tutto per non subire gol, adesso qualcosa abbiamo concesso, vuoi per la condizione fisica, vuoi per la classifica, vuoi per un calo fisiologico: ora dobbiamo essere bravi a uscire da questa situazione. L’Empoli ha cambiato modulo e modo di interpretare le partite con il nuovo allenatore, dovremo curare anche i particolari cercando di portare a casa il risultato”. Intanto la sfortuna si abbatte di nuovo su Stulac che, reduce da una distorsione alla caviglia, era rientrato in gruppo nei giorni scorsi ma si è fermato ancora nella seduta di rifinitura a causa di un problema al polpaccio. Il centrocampista sloveno dovrà saltare anche la trasferta di Empoli, al pari degli altri indisponibili Ceravolo e Scozzarella, e così il tecnico D’Aversa si ritrova per l’ennesima volta con la coperta corta in cabina di regia, dove presumibilmente verrà riproposto Rigoni accanto a Kucka e al rientrante Barillà. Al centro della difesa dovrebbe riprendere il suo posto Bastoni, recuperato dall’infiammazione al ginocchio, consentendo il ritorno di Gagliolo sulla fascia sinistra. L’unico dubbio resta quello nel tridente tra Biabiany, opaco nell’ultima partita contro il Napoli, e Siligardi, che invece ha fatto bene da subentrante. Si rivede tra i convocati Sierralta, assente da diversi mesi.