F1, test Montmelò: la Ferrari di Leclerc domina la terza giornata


MONTMELO’ – Un travolgente Charles Leclerc con la sua Ferrari SF90 domina la terza giornata di prove sul circuito catalano del Montmelò con un crono di 1’16″231, ottenuto con le gomme più morbide della gamma Pirelli. Si tratta del tempo più veloce in assoluto realizzato in queste sette giornate di test pre Mondiale, a soli 58 millesimi dalla pole position di Hamilton nel 2018. Il giovane pilota monegasco è stato l’unico a scendere in pista oggi per il team di Maranello.

MARGINI DI MIGLIORAMENTO PER LECLERC – La Mercedes però come al solito si nasconde, continuando il proprio lavoro di svezzamento della nuova W010 con Lewis Hamilton che con le medie C2 ottiene come miglior prestazione personale 1’18″097. Leclerc, infatti, con lo stesso tipo di gomma ferma il cronometro su 1’17″253, risultando 8 decimi più veloce del campione del mondo in mattinata. Una prestazione, sia sul giro veloce che sul passo gara che lascia ben sperare, anche perché il ferrarista non ha mai spinto in tutti e tre gli stint in cui è divisa la pista, lasciando pensare di avere ancora qualcosa da poter tirare fuori come prestazione. Per Leclerc un totale di 138 giri e un piccolo problema proprio nei minuti finali della giornata, che gli ha consigliato di parcheggiare la sua monoposto alla curva 8. “Non si prospettava una giornata facile perchè dovevamo recuperare il lavoro non fatto ieri ma ce l’abbiamo fatta, e questo è molto positivo visto che oggi era per me l’ultimo test prima dell’Australia – ha spiegato -. Sono molto contento, la macchina è buona e abbiamo lavorato davvero bene. E’ un inizio di stagione incoraggiante e mi sento abbastanza pronto. Ora non vedo l’ora di disputare il mio primo vero Gran Premio con la Ferrari”.

DECIMO TEMPO PER HAMILTON – Come nei giorni scorsi, sono stati i giovani piloti a farsi notare, con Alexander Albon, arrivato a un 1’16″882 con la sua Toro Rosso montando anche lui la C5 e Lando Norris (McLaren) di 84 millesimi sopra l’1’17”. Quinto tempo per Pierre Gasly che però ha concluso anzi tempo la giornata, finendo contro le barriere alla curva 9 con la sua Red Bull. A seguire le due Renault di Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg. Quindi la Racing Point di Lance Stroll (anche lui ha finito parcheggiando la vettura lungo la pista) e l’Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi. A chiudere la top ten, la Haas di Romain Grosjean e la Mercedes di Lewis Hamilton che al mattino ha compiuto 95 tornate prima di cedere il volante, dopo pranzo, a Valtteri Bottas. Per il finnico 97 giri con il tredicesimo e ultimo tempo di giornata, dietro anche a Russel con la Williams e Magnussen con la Haas.