Il Cern lascia Microsoft, ha scelto di usare un software “aperto”


ROMAIl Cern di Ginevra abbandona Microsoft e per le sue apparecchiature informatiche passa all’open source, cioè un software aperto. Il Centro di ricerche europeo, che ha dato i natali al World Wide Web, ha preso la decisione per ragioni economiche. Il colosso di Redmond, infatti, ha deciso di revocare lo status di istituzione accademica che consentiva uno sconto sui costi delle licenze. Il nuovo contratto avrebbe previsto un somma da corrispondere per ogni utente, che avrebbe fatto moltiplicare notevolmente i costi per l’uso del sistema operativo Windows.

Prevedendo quanto sarebbe successo, il Cern dallo scorso anno ha iniziato a sviluppare il programma Malt (Microsoft Alternatives), con il quale ha intrapreso un percorso che porterà l’istituto europeo a dismettere le soluzioni proprietarie a vantaggio di quelle “aperte”, operazione che si tradurrà in un notevole risparmio dei costi di licenza. “L’obiettivo è riprendere il controllo usando un software aperto. Il progetto è ambizioso ma è anche un’occasione unica per dimostrare che è possibile realizzare i servizi più importanti senza un accordo in esclusiva con un venditore”, ha spiegato il Cern in un post ufficiale.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica