il presunto caso dei concorrenti “ad orologeria”


Reality e realtà sembrano spalleggiarsi più che in passato al Grande Fratello: i casi di Serena Rutelli e Gennaro Lillio

In principio furono le bombe col timer, filo rosso o filo blu, nei film di azione; poi le polemiche, pronte a scoppiare come ordigni nei talk al momento più opportuno, allo scadere del conto alla rovescia, così da raccogliere più vittime e punti di share; ora pare che l’inanimato abbia lasciato spazio all’umano: ad avanzare “ad orologeria” nei reality sarebbero i concorrenti.

È ormai consuetudine che nel cast del Grande Fratello vengano ammessi concorrenti già noti al pubblico o che, per un legame di parentela o qualche flirt estivo, sono finiti su qualche rivista di cronaca rosa prima di varcare la porta rossa. Nell’intervista a Tvblog rilasciata in occasione del lancio della sedicesima edizione del programma, la conduttrice Barbara d’Urso aveva rivelato che è raro che ai provini si presentino giovani che, prima di tentare la strada del reality, non abbiano avuto esperienze pregresse nel mondo dello spettacolo. E con le molteplici finestre social e tv dei nostri tempi, risulta senza dubbio più difficile che in passato selezionare volti vergini per la casa. Coincidenza ha voluto, tuttavia, che oltre ad essere più o meno noti, alcuni degli inquilini di quest’anno sembrino in qualche modo connessi all’attualità.

Due i casi emblematici, quello di Serena e di Gennaro. Della prima, figlia adottiva dell’ex-sindaco di Roma Francesco Rutelli e della conduttrice Barbara Palombelli, non si fa che parlare degli affari famigliari: dopo la lettera della donna che l’ha data alla luce della scorsa settimana e l’invito del fratello mai conosciuto di questa sera, la storia della sua adozione sarà raccontata da Barbara Palombelli nella sua autobiografia, in libreria da metà maggio, di cui nei giorni passati sono stati rilasciati alcuni stralci in anteprima per la stampa. Tempismo curioso anche per il lancio della campagna di Dolce & Gabbana per il profumo Light Blue Sun, con protagonista proprio l’inquilino Gennaro Lillio, in onda in concomitanza col suo ingresso nella casa di Cinecittà. Inevitabile non notare un certo sincronismo fra la partecipazione al programma dell’hair-stylist Kikò Nalli e il presunto matrimonio dell’ex-moglie Tina Cipollari col nuovo compagno Vincenzo, argomento caldo per il gossip nazionale. Di Jessica Morlacchi, ex dell’attuale coach di The Voice Morgan, si è già scritto, mentre più in sordina è passata la presenza in casa di Martina Nasoni, “la ragazza col cuore di latta” della canzone sanremese di Irama. Il cantante di Amici di Maria de Filippi sarebbe pronto a rilasciare nelle prossime settimane un nuovo singolo, che mira a replicare il successo estivo di Nera.

Verrebbe da chiedersi se siano le dinamiche del reality a sentire l’effetto del legame dei concorrenti con quanto avviene all’esterno, o se possano essere le vendite di libri e profumi a godere indirettamente dell’importante finestra mediatica della trasmissione. L’ipotesi più plausibile – che vale come speculazione non suffragata da prove tangibili, tanto che per un presunto “concorrente ad orologeria” ce n’è sempre un altro slegato da queste logiche –  è che reality e realtà si spalleggino a vicenda per amplificare la portata degli eventi. Do ut des, in soldoni: quel motto latino che a Cinecittà pare sia passato dal set dell’Antica Roma, alle stanze da letto della casa più spiata di Italia.



http://www.tvblog.it/rss2.xml