Inghilterra, il Fulham esonera Ranieri



LONDRA – È finita l’avventura di Claudio Ranieri sulla panchina del Fulham. Il club londinese ha ufficializzato l’esonero del tecnico romano dopo la sconfitta di mercoledì sera contro il Southampton per 2-0. Ranieri, contestato ieri pure dai suoi stessi tifosi (“Non sai cosa stai facendo”, il coro rivolto al tecnico), non è riuscito in tre mesi e mezzo a ribaltare le sorti della squadra, penultima in Premier e sempre più vicina alla retrocessione. Ingaggiato a metà novembre al posto di Slavisa Jokanovic, in 16 partite di campionato ha raccolto appena 3 vittorie, 3 pareggi e 10 sconfitte, con la zona salvezza che dista 10 punti a 10 giornate dalla fine. Le redini della squadra saranno prese fino a fine stagione da Scott Parker, vice di Ranieri che vede così concludersi mestamente la sua terza esperienza inglese dopo quelle con Chelsea e Leicester.

“Claudio concorda sul fatto che un cambio è nel migliore interesse di tutti – fa sapere il presidente del Fulham, Shahid Khan – Ma la cosa non mi sorprende, Claudio si è comportato come sempre da gentiluomo. Purtroppo non sono arrivati i risultati di cui avevamo bisogno ma non è l’unico colpevole per la posizione in cui ci troviamo oggi. Gli sono grato per lo sforzo e ci lasciamo da amici”. “Sono ovviamente dispiaciuto per i recenti risultati e per il fatto di non essere riusciti a costruire qualcosa su quello che di buono avevamo fatto all’inizio”, il congedo di Ranieri.

Niente derby con Sarri, dunque, visto che nella prossima giornata si incroceranno Fulham e Chelsea. Con quello di Ranieri, diventano sei i cambi in panchina stagionali in Premier: aveva iniziato proprio il Fulham chiamando il tecnico romano al posto di Jokanovic, poi Southampton (Hasenhüttl per Hughes), Manchester United (Solskjaer per Mourinho), Huddersfield (Siewert per Wagner), Leicester (Rodgers per Puel) e di nuovo Fulham.