Inter, caso Icardi; Wanda: “Io non decido, chi ha fatto le scelte ne è responsabile”


MILANO – Il caso Icardi si trasforma, sta diventando un tutti contro tutti senza esclusione di colpi bassi e a sorpresa. A scrivere il nuovo episodio della saga Icardi-Wanda è la procuratrice, la signora più social della Serie A. Questa volta attraverso Twitter l’agente dell’attaccante risponde in modo naif ad alcuni tifosi che la accusano di essere la causa della rottura tra il marito e la squadra, club compreso. Lei non ci sta e con tono piccato rimanda ai mittenti le insinuazioni: “Io non decido, non ho fatto nessuna scelta. Chi ha preso ogni decisione se ne assumerà la responsabilità. Il mio lavoro è quello di trovare la miglior soluzione a un decisione. Ma non c’entro niente. Un bacio e grazie. E se ti hanno fatto credere altro, allora bravi”. 

Mentre a chi la consiglia di rinunciare alla procura di Icardi, di smettere di andare in televisione a parlare e di far tornare il 9 interista in campo, Wanda replica secca: “Evidentemente non hai capito un c**** di quello che succederà! Un bacio”. Nel mentre, per non lasciare nulla al caso ci sono dichiarazioni di amore di Dybala nei confronti dell’Inter. Era marzo del 2012 quando il giocatore al sito ‘fcinternews’ affermò: “Da quando l’Inter è interessata a me mi sono sempre sentito vicinissimo. Se avrò l’occasione di giocare per l’Inter darò la vita per quella maglia. L’Inter mi piace tantissimo come squadra. Quando gioca cerco sempre di vederla in televisione”. Il destino poi portò l’argentino al Palermo e nel 2015 alla Juve, in futuro chissà…
 
EUROPA LEAGUE, I NUMERI DELL’EINTRACHT SPAVENTANO L’INTER
Con le spalle pesanti dal caso Icardi l’Inter si prepara alla sfida di Europa League contro l’Eintracht di Francoforte. Per i nerazzurri si tratta in assoluto della prima sfida, l’unico precedente tra le due squadre è un’amichevole del 10 agosto del 2014 con un successo dei tedeschi per 3-1. Per l’Inter segnò Ruben Botta, per gli avversari Piazon (ora al Chievo) e Seferovic (doppietta). Se una gara amichevole lascia il tempo che trova, sono, invece, preoccupanti per i nerazzurri i numeri più recenti: l’Eintracht non perde in Europa da 12 partite (9 vittorie e 3 pareggi), l’ultima sconfitta risale al novembre 2013 contro il Maccabi Tel Aviv. Da sottolineare che l’attacco dell’Eintracht è il migliore dell’Europa League con 23 centri in 8 partite. Del match valido per l’andata degli ottavi di finale non farà parte, oltre a Icardi, anche Ante Rebic ko per una distorsione al ginocchio.