Inter, Marotta assolve Spalletti: “L’allenatore non c’entra niente”


TORINO – “L’allenatore non c’entra niente. Le difficoltà nascono indipendentemente dal nome dell’allenatore. Spalletti sta conducendo la squadra nel migliore dei modi, con lui dobbiamo arrivare a questo traguardo importante”. Beppe Marotta, ad dell’Inter, assolve il tecnico Luciano Spalletti il giorno dopo l’eliminazione dei nerazzurri in Europa League.

Marotta: ”Ko amaro in Europa League, fuori l’orgoglio”

“C’è amarezza per questa sconfitta, che non porta l’alibi delle assenze anche se in realtà ci mancavano nove giocatori e non è poco per una rosa di 23. E’ una sconfitta che fa male ma da cui bisogna trarre degli insegnamenti – ha dichiarato il dirigente dell’Inter a margine di un convegno sulle seconde squadre all’Allianz Stadium di Torino – Pensiamo però al futuro, che si chiama Milan, una partita in cui bisognerà tirare fuori ancor di più l’orgoglio e quel senso di appartenenza, sono elementi indispensabili per poter raggiungere l’obiettivo quarto posto. Considero l’Inter ancora in fase di crescita societaria. L’obiettivo di questa stagione non può che essere il quarto posto, non è facile raggiungerlo perché ci sono dei competitor di livello, quella col Milan è una partita importante ma non decisiva, una partita che ci deve dare la possibilità di mostrare le qualità che abbiamo”.

“Icardi” No novità, spero buon senso prevalga”

Infine un aggiornamento sul caso Icardi che tiene banco ormai da tempo. “Novità non ce ne sono. Sappiamo tutto di questo caso e sono sempre ottimista. Spero che il buon senso prevalga e di conseguenza si possa arrivare a essere soddisfatti più avanti”, il laconico commento di Marotta.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica