Lo scandalo ammissioni al college diventerà una miniserie Accepted


Chissà se nella miniserie saranno inserite anche Felicity Huffman e Lori Loughlin e chi le interpreterà

Lo scandalo della corruzione per aiutare l’ammissione al college dei figli di ricchi benestanti americani ha sconvolto il mondo dell’istruzione e dello spettacolo visto il coinvolgimento diretto di due attrici come Felicity Huffman e Lori Loughlin. E una vicenda del genere non poteva non avere una trasposizione cinematografica o televisiva.

Annapurna Television ha così colto la palla al balzo prendendo i diritti del libro di prossima uscita Accepted scritto da Melissa Korn e Jennifer Levitz che racconterà nel dettaglio la rete di corruzione, scambi di denaro scoperta dall’FBI. Lo scandalo è emerso lo scorso marzo quando con l’arresto di Felicity Huffman è stata portata alla luce una rete di mazzette tesa a migliorare i test d’ammissione, creare finti curricula sportivi per agevolare l’ammissione in college e università come Yale e Stanford tra le più importanti del paese.

D.V. DeVincentis, già sceneggiatore di diversi episodi di American Crime Story: Il Caso O.J. Simpson, si occuperà per Annapurna dell’adattamento del libro e di tutta la vicenda. Al momento il progetto non ha ancora un network di riferimento e non è chiaro se saranno direttamente citati i nomi delle persone coinvolte. Sembra improbabile immaginare una riproduzione della famiglia di Felicity Huffman, con attori e attrici che dovrebbero interpretare dei colleghi.

Lo scandalo ha sicuramente una sua rilevanza anche al di là dei nomi coinvolti. La vicenda unisce temi familiari con una rete di corruzione e rapporti di potere tipica di un thriller. Secondo quanto scoperto dalle indagini, più di 30 famiglie attraverso William “Rick” Singer un uomo di 58 anni che gestisce una società che fa consulenza proprio per le ammissioni ai college e per la costruzione delle carriere dei ragazzi, avrebbero pagato milioni di dollari per aiutare i figli ad essere ammessi al college e all’università.

Felicity Huffman dopo l’arresto, si è dichiarata colpevole, ha ammesso tutte le sue colpe e ha deciso di accettare quanto verrà deciso dai tribunali, vergognandosi del proprio comportamento. Più combattiva Lori Loughlin che nel frattempo non prenderà parte a Fuller House ed è stata rimossa da When Calls the Heart (in Italia entrambe su Netflix) dove il suo personaggio è stato allontanato dalla serie. Loughlin e il marito stilista Mossimo Giannulli si sono dichiarati non colpevoli e hanno voluto contrastare le accuse con i propri avvocati.

Uno scandalo con i contorni da fiction che presto diventerà una miniserie.



http://www.tvblog.it/rss2.xml