Maratona Mentana, il direttore non rinuncia all’ironia. Vittime Sardoni e Celata


In dodici ore di maratona Mentana c’è anche spazio per gli immancabili siparietti. Sardoni informa la regia di essere in attesa. Il direttore: “A che mese sei?”. Poi è la volta di Celata: “Sembri Calindri”

Lo spettacolo nello spettacolo. La maratona di Mentana non si smentisce e all’interno della lunga diretta di commento ai risultati delle elezioni europee c’è anche spazio per gli immancabili siparietti tra il direttore del Tg La7 e i suoi storici inviati.

Più di dodici ore di diretta no-stop, interrotta momentaneamente alle 11, che Mentana conduce – comprensibilmente – a ritmi alternati.

Mentana non rinuncia comunque alle freddure, trasformando i problemi di collegamento in un momento di leggerezza, subito rimbalzato sui social. Vittima predestinata Alessandra Sardoni che, credendo di essere fuori onda, informa la regia di aspettare indicazioni dal direttore: “Sono in attesa…”. Mentana non se lo lascia ripetere due volte e ribatte: “A che settimana sei?”.

E siccome la par condicio non si nega a nessuno, poco dopo è la volta di Paolo Celata, spedito all’esterno di Montecitorio. Pronta pure qui la battuta:

“Sei in mezzo alla strada con le auto che passano. Sei vittima dell’effetto Ernesto Calindri”.



http://www.tvblog.it/rss2.xml

Cabine Armadio Componibili