Moto3, riecco la sfida Biaggi-Rossi: Max presenta un suo team


MONTECARLO – Max Biaggi torna ad essere protagonista del motomondiale. E punta a battere Valentino Rossi. Accompagnato Alberto di Monaco, il “Corsaro” ha presentato nel Principato la sua squadra – Sterlilgarda Max Racing Team, da tre stagioni impegnata nei campionati spagnolo e italiano di categoria – che quest’anno debutta in Moto3 con Aron Canet. Il ventenne pilota spagnolo è ambizioso e vuole vincere, ma per farlo dovrà confrontarsi – tra gli altri – coi ragazzi dello Sky Racing Team VR46, allievi del Doc: Dennis Foggia e Celestino Vietti Ramus. Riecco gli eterni rivali, i Duellanti italiani: Max e Valentino. Ma questa volta a sorpassarsi in pista saranno i loro campioncini. Primo appuntamento in Qatar tra 2 settimane.
 
Il Corsaro: “Daremo battaglia” – “La Moto3 è la categoria più entusiasmante dopo la MotoGP”, dice Biaggi, 47 anni e 6 titoli mondiali. “C’è sempre battaglia, i distacchi sono contenuti ed è quindi naturale per me iniziare l’avventura mondiale da qui”. Non sarà semplice, lo sa. “Per noi è un grande passo, un sogno che si realizza: ma subito dopo il sogno, vengono la programmazione e il lavoro. Da questo punto di vista sento di poter dire che ci siamo preparati nel migliore dei modi”. La squadra, spiega il ‘Corsaro’, è formata “da tecnici che hanno grande esperienza nel motomondiale, ed ha avuto modo di amalgamarsi con le esperienze nei campionati italiano e spagnolo”. Canet ha debuttato in Moto3 nel 2016, salendo subito sul podio. La stagione seguente ha collezionato 3 vittorie e altri 2 podi. L’anno passato è andata meno bene, con 4 secondi posti e il 6° posto finale in classifica. “Arón è un pilota che mi è piaciuto da subito per la grinta e la tenacia, anche se dovrà imparare a gestire  la pressione per fare il definitivo salto di qualità”, sostiene Max. La moto è una KTM RC250 GP. “Abbiamo scelto KTM, un marchio europeo con un grande potenziale”.

Canet: “L’anno della rivincita” – A guidare il lavoro dello Sterilgarda Max Racing Team sarà il tedesco Peter Oettl, buon pilota alla fine degli anni Ottanta: “Il 2019 è la nostra stagione di debutto, ma non possiamo prenderlo come una scusa. Siamo supportati da partner di alto livello, portiamo in pista un nome importante e Arón è un pilota col potenziale del vincente. Ci siamo preparati bene nei test, la squadra ha dimostrato coesione e grande preparazione tecnica: sarà fondamentale mantenere lo stesso livello di concentrazione lungo tutto il campionato”. Canet è un ragazzo di gran talento. “Questo per me è l’anno della rivincita, le basi ci sono tutte. Ho trovato una squadra preparata e motivata, nei test abbiamo subito instaurato un buon feeling e credo che il supporto di Max e Peter possa darci una spinta in più. Ci scontriamo contro team storici e piloti molto forti, nella Moto3 un passo falso ti può far passare dal podio al 15° posto, la lotta è sempre serrata. Credo che con l’impegno e la costanza potremo toglierci delle belle soddisfazioni”.