Nuoto, Città di Milano: Pellegrini e Miressi super nei 100 stile libero


MILANO – La seconda giornata del 9° trofeo Città di Milano ha come grande protagonista l’inossidabile Federica Pellegrini. La fuoriclasse veneta, tesserata per il Circolo Canottieri Aniene e seguita dal tecnico federale Matteo Giunta, si regala un eccellente 54″26 nei 100 stile libero e bissa il successo ottenuto nei 200. L’altra firma extra lusso è quella di Alessandro Miressi nei 100 stile maschili. Il campione europeo, che sette mesi fa in Scozia fece saltare il banco, e recordman italiano (47″92), tesserato per Fiamme Oro ed CN Torino, allievo di Antonio Satta, si impone in 49″28 (quinta prestazione personale di sempre).

Il sipario si apre con i 50 farfalla e i successi di Elena Di Liddo e Piero Codia. La 25enne di Bisceglie, tesserata per Carabinieri e CC Aniene, allenata da Raffaele Girardi, bronzo europeo nella doppia distanza a Glasgow 2018, è l’unica a scendere sotto i 27″ e chiude in 26″81. Ventuno centesimi dietro di lei si piazza Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91), seconda in 27″02. Il campione continentale nei 100 e primatista italiano (23″21), tesserato per Esercito e CC Aniene e preparato da Alessando D’Alessandro tocca in 23″85, precedendo le guest star Chad Le Clos e Laszlo Cseh. Il sudafricano, ormai di casa in Italia, si ferma a 23″91, il magiaro a 23″97.

Nei 100 dorso show con record del meeting di Margherita Panziera e Thomas Ceccon. La 23enne di Montebelluna e sul tetto d’europa nei 200 dorso in Scozia, tesserata per Fiamme Oro e CC Aniene e seguita da Gianluca Belfiore, tocca in 1’00″31 (prec. 1’00″41) per la sesta prestazione personale di sempre. L’enfant prodige di Schio e primatista italiano juniores (53″65), tesserato per Fiamme Oro e Leosport, allievo di Alberto Burlina e quattro medaglie ai Youth Olimpic a Buenos Aires nel mese di ottobre, stampa un 54″76 (prec. 54″85) che vale la nona prestazione personale all time.

Arianna Castiglioni e Nicolò Martinenghi dominano invece in 50 rana. La 21enne di Fiamme Gialle e Team Insubrika (allenata dal tecnico federale Gianni Leoni), terza agli Europei di Glasgow nei 50 e 100 rana e con la 4×100 mista mixed, è prima in 31″08. Il talento di Varese, ormai completamente ritrovato dopo un 2018 passato in naftalina per via degli infortuni, tesserato per Fiamme Oro ed NC Brebbia, pupillo di Marco Pedoja e campione iridato e continentale juniores nel 2017 nei 50 e 100 rana, conclude con un buon 27″60. La sensazione è che il periodo buio sia definitivamente alle spalle.
 
Nei 400 misti sul gradino più alto del podio, con record del meeting, sua maestà Katinka Hosszu e un superbo Pier Andrea Matteazzi. The Iron Lady, ottantasette medaglie tra olimpiadi, mondiali ed europei, chiude in 4’37″21 cancellando il 4’39″56 di Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto), seconda in 4’40″66. Per la 19enne di Cittadella, allenata al Centro Federale di Ostia da Stefano Morini argento a Glasgow nei 200 e 400 misti, si tratta comunque della sesta prestazione personale di sempre. Il 21enne di Vicenza, tesserato per In Sport Rane Rosse, invece vince in 4’00″00 abbassando di settantasette centesimi il 4’00″77, siglato nel 2017 dal capitano azzurro Federico Turrini.