Pattinaggio su ghiaccio, Mondiali artistico: Matteo Rizzo 5° dopo il corto


SAITAMA (GIAPPONE) – Anche il competente pubblico giapponese, alla fine, si alza ad applaudirlo. La standing ovation della Super Arena di Saitama rende l’idea del capolavoro: Matteo Rizzo illumina il ghiaccio al suo esordio nel Mondiale 2019 con un programma corto da mille e una notte. Il primato personale sale da 85.51 a 93.37 punti (52.41 per il tecnico e 40.96 per le components), nuovo record italiano. La magnifica esibizione sulle note di ‘Volare’, nell’arrangiamento confezionato da Luca Longobardi, vale al 20enne azzurro il quinto posto provvisorio in una classifica guidata dagli americani Nathan Chen (107.40) e Jason Brown (96.81) seguiti dal giapponese campione olimpico a PyeonChang 2018, Yuzuru Hanyu (94.87), e dall’altro statunitense Vincent Zhou (94.17). Per l’allievo di Franca Bianconi e papà Valter un’enorme soddisfazione al termine di un corto da capogiro per qualità tecnica e interpretazione artistica con salti, trottole e sequenza di passi eccezionali. Dopo il podio nel Grand Prix, il bronzo agli Europei e il trionfo alle Universiadi, Matteo Rizzo alza ancora l’asticella e vuole regalarsi un altro bel piazzamento anche nella rassegna iridata, competizione in cui lo scorso anno, nell’edizione di Milano, chiuse 17/o. Sabato il libero: il podio è appena a un punto e mezzo, un’inezia in questo sport fatto di elementi tecnici (salti e trottole) ed elementi coreografici. Vietato insomma porsi limiti.

Oro coppie alla Cina, ottavi Dalla Monica-Guarise

Nella notte italiana erano invece arrivati i primi verdetti definitivi di questo Mondiale. Nel libero delle coppie di artistico Nicole Della Monica e Matteo Guarise (Fiamme Oro) hanno infatti confermato il piazzamento del corto chiudendo ottavi a quota 195.74: per il tandem azzurro un secondo segmento valutato 128.45 punti (62.16 per il tecnico e 66.29 per le components), il settimo di giornata, e l’ennesima riprova di far parte delle migliori coppie al mondo. Oro alla coppia cinese Wenjing Sui-Cong Han (234,84), argento ai russi Evgenia Tarasova-Vladimir Morozov (228,47), bronzo all’altra coppia russa Natalia Zabiiako-Alexander Enbert (217,98), mentre i grandi favoriti della vigilia, i francesi James-Cipres, chiudono quinti recuperando due posizioni dopo il settimo punteggio del corto. Per l’Italia erano in gara anche Rebecca Ghilardi e Filippo Ambrosini, all’esordio assoluto nella rassegna iridata: per loro 19° posto finale con 133,75, dopo un libero da 81.73 (36.85 per il tecnico e 45.88 per le components, -1 di deduzione). Venerdì sarà il turno della danza con gli azzurri Charlene Guignard e Marco Fabbri (Fiamme Azzurre) e Jasmine Tessari e Francesco Fioretti (Icelab) pronti a dare tutto nella rhythm dance.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica