Qualificazioni Europei 2020: Piatek fa felice anche la Polonia. Super Hazard, il Belgio batte la Russia


ROMA – Il momento magico di Piatek prosegue anche in nazionale. Il neo centravanti del Milan entra al 59′ al posto del ‘napoletano’ Zielinski e dopo appena 10′ lascia il segno consentendo alla Polonia di vincere in Austria (0-1) e partire con il piede giusto nelle qualificazioni europee. La Polonia, con Szczesny, Bereszynski, Zielinski e Milik in campo dal 1′, ha dovuto attendere fino al 69′ per passare a Vienna. Il gol vittoria di Piatek è stato piuttosto semplice: tap-in di testa su una corta respinta di Lindner dopo un tiro di Kedziora.

Soffre la Croazia, brilla il Belgio

Hanno vinto anche tutte le altre big nella prima giornata delle qualificazioni: l’unica ad aver rischiato grosso è stata la Croazia vice campione del mondo che ha dovuto attendere fino al 79′ per piegare in rimonta l’Azerbaigian. Sorpresa dal gol di Sheydaev, la squadra di Dalic, che si è presentata con Perisic titolare, ha ribaltato la situazione grazie a Barisic e Kramaric. La vittoria più significativa l’ha centrata il Belgio di Mertens che ha sconfitto 3-1 la Russia grazia a una doppietta di Hazard, bravo a procurarsi e a trasformare il rigore del 2-1 dopo il botta e risposta tra Tielemans (a segno su assist dell’atalantino Castagne) e Cheryshev, e poi a chiudere i conti nel finale.


Qualificazioni Europei 2020: Piatek fa felice anche la Polonia. Super Hazard, il Belgio batte la Russia

Hazard festeggiato da Mertens

L’Olanda passeggia, sorride la Slovacchia

L’Olanda di de Roon ha passeggiato (4-0). Grande protagonista della serata è stato Depay, autore di due gol e un assist. Le altre due reti le hanno realizzate Wijnaldum e van Dijk. Con un gol per tempo la Slovacchia di Skriniar, Kucka e Hamsik ha piegato l’Ungheria. A segno Duda e Rusnak. La Slovenia di Kurtic e Ilicic ha strappato un buon punto (1-1) in Israele. Botta e risposta in pochi minuti tra Sporar (48′) e Zahavi (55′). Solo nella ripresa, invece, l’Irlanda del Nord è riuscita a piegare l’Estonia. Hanno deciso McGinn e Davis su rigore.

Scozia, che batosta

L’unica sorpresa della giornata è arrivata da Astana dove un’irriconoscibile Scozia ha rimediato una severa lezione dal Kazakistan a segno già due volte nei primi 10′ con Pertsukh e Vorogovsky. Poi ha pensato Zaynutdinov a rendere ancora più pesante il ko agli uomini di McLeish. Una doppietta di Elmas ha consentito alla Macedonia di superare 3-1 la Lettonia. Ha aperto le marcature Alioski, su assist del genoano Pandev, mentre gli ospiti solo nel finale sono riusciti ad accorciare le distanze con Isajevs. Infine San Marino ha iniziato la propria avvenuta incassando un pesante 5-0 a Cipro. Gara decisa, di fatto, dai due rigori in 23′ realizzati da Sotiriou. Poi hanno incrementato il bottino Kousoulos, Efrem e Laifis.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica