Raggi a Di Martedì durante gli scontri a Torre Maura, ma il programma buca la notizia: è registrato


Virginia Raggi ospite a Di Martedì mentre a Torre Maura scoppia la rivolta contro i rom. Da parte di Floris nessun riferimento alla vicenda, per un semplice motivo: il talk è registrato. E la scritta ‘diretta’ sopra al logo di La7 assume un significato quasi beffardo

L’ospite giusto al momento giusto. Non c’è trasmissione che non avrebbe sognato di intervistare Virginia Raggi proprio mentre a Torre Maura scoppiava la protesta del quartiere contro l’arrivo di 70 rom nel centro d’accoglienza della zona.

Un privilegio di cui ha potuto godere Di Martedì, che però non ha minimamente sfiorato l’accaduto per un semplice e banale motivo: il confronto col sindaco di Roma era registrato.

Trasmesso tra le 22.55 e le 23.12 circa, il faccia a faccia tra Floris e la Raggi ha toccato diverse vicende, senza che nessuna si avvicinasse alla strettissima attualità. Ecco allora le domande sul rapporto con Salvini, sul caso De Vito, sulle fermate delle metro chiuse, sulla questione rifiuti e sul predecessore Marino.

Eppure già alle 20 le agenzie pubblicavano i primi aggiornamenti da Torre Maura, dove i contestatori avevano incendiato i cassonetti e buttato a terra e calpestato i panini destinati ai nuovi ospiti.

Alle 20.56, quindi ancora prima che il talk cominciasse (da segnalare anche il buco preso Otto e mezzo, in onda in quegli istanti), il quotidiano Il Tempo parlava apertamente di “rivolta” nella periferia est della Capitale. Non solo: alle 21.45 ci pensava nientemeno che l’Ansa a fornire ulteriori dettagli.

Nemmeno la parentesi informativa di mezzanotte curata da Laura Gobetti ha salvato il programma dalla figuraccia, amplificata dalla scritta ‘diretta’ piazzata sopra al logo di rete che ormai ha assunto un significato quasi beffardo.





http://www.tvblog.it/rss2.xml