Rugby, Treviso colpisce ancora: battuto Edimburgo, play off vicini


TREVISO – E’ l’ottavo risultato utile consecutivo per il Benetton Treviso, che a Monigo supera Edimburgo (18-10) e consolida il 2° posto nel girone B del Guinness Pro14, la lega celtica. Dal primo dicembre sono arrivate 7 vittorie e un rocambolesco pareggio con l’Ulster al Kingspan Stadium di Belfast (gli irlandesi che recuperano a tempo scaduto, e ancora c’è da mordersi le mani). I trevigiani oggi hanno 50 punti in classifica a 4 giornate dal termine della stagione regolare. Al 5° posto, ad 8 lunghezze, gli scozzesi appena battuti. Ci sono buone ragioni per credere che sarà decisivo l’ultimo incontro della stagione regolare, quando i biancoverdi veneti affronteranno a Parma le Zebre, sconfitte pesantemente al Lanfranchi dai Glasgow Rangers (10-42) e sempre più in fondo al girone A.

Cannone e Rizzi, che mete
 E’ stata una vittoria difficile e meritata, quella di Treviso: gli ospiti hanno difeso in maniera aspra e spesso al limite del regolamento – tutto normale, per l’arbitro irlandese George Clancy -, chiudendo il primo tempo in parità. Alla punizione scozzese di Van der Walt dopo solo 2 minuti ha risposto Ian McKinley intorno alla mezz’ora. Nella ripresa veneti ancora all’attacco e il fiorentino Niccolò Cannone – seconda linea, permit player del Petrarca Padova – mette a segno la sua terza meta negli ultimi tre incontri: la trasformazione di McKinley finisce però sul palo. Edimburgo reagisce e va subito a segno con Johnstone – che fa lo slalom nella difesa biancoverde -, mentre Van der Walt celebra al piede un cinico sorpasso. E’ stato allora che i trevigiani hanno mostrato tutte le loro qualità: con calma e determinazione hanno ripreso in mano il gioco: il giovane Antonio Rizzi – subentrato all’apertura – ha schiacciato in area di meta un ovale calciato da Ioane, ha trasformato e poi, allo scadere, su punizione ha negato il punto di bonus difensivo agli ospiti.

Lazzaroni man of the match
Due mete a uno per i veneti, che hanno guadagnato 349 metri contro i 247 degli avversari, legittimando il loro successo anche con 60 corse palla in mano (43 gli scozzesi. I placcaggi sono 113 del Benetton e 15 falliti (129/11 Edimburgo), 12 i turnover (14) e 6 le punizioni concesse (9). Miglior giocatore dell’incontro è stato eletto Marco Lazzaroni.