Sassuolo, De Zerbi: “Con Milan e Napoli raccolto poco, ora è il momento di riscuotere”


SASSUOLO – “Partita difficile contro una squadra ben organizzata che dispone di importanti individualità: vogliamo vincere, è il momento di riscuotere quanto prodotto perché gli ultimi risultati, contro Milan e Napoli, non sono in linea con quanto espresso dalla mia squadra”. Suona la carica Roberto De Zerbi alla vigilia della gara del “Mapei Stadium” contro la Sampdoria, perché il ko col Milan e il pari subito in rimonta col Napoli, nonostante l’ottima prestazione, pesano ancora sulle spalle dei neroverdi. “Servirà attenzione in fase difensiva e maggiore determinazione in zona gol – aggiunge il tecnico neroverde – una sfida che abbiamo preparato con grande scrupolosità, i miei ragazzi dovranno essere vogliosi di fare bene: in questo senso, Quagliarella è un ottimo esempio di spirito propositivo capace di incidere attraverso carattere e forza morale”.

Senza Rogerio “Mancheranno Magnanelli e Rogerio il quale si è fermato questa mattina per una leggera contusione: mi dispiace molto l’assenza del capitano per la sua personalità e la sua intelligenza tattica -prosegue – in questo momento era determinante perché stava bene fisicamente e mentalmente”. Per affrontare un centrocampo fisico e al contempo tecnico come quello blucerchiato, De Zerbi potrebbe optare per il sistema a tre nel pacchetto difensivo, con una mediana maggiormente folta:”In settimana ho provato le due varianti, difesa a 3 o a 4, non cambia molto, conterà l’atteggiamento e la voglia di fare punti; l’indisponibilità di Roegerio potrebbe farmi decidere per una difesa a 3, è una questione di superiorità dietro giocando a tre o sulle fasce disponendoci a 4. Contro il Cagliari – conclude De Zerbi – che adotta come la Sampdoria un modulo 4-3-1-2 abbiamo giocato con un sistema arretrato a 4″.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica