Sassuolo-Sampdoria 3-5: neroverdi in clima vacanza, dominano i blucerchiati



REGGIO EMILIA – Dopo il ko casalingo contro l’Atalanta, la Sampdoria rialza la testa a Reggio Emilia dove travolge per 5-3 un arrendevole Sassuolo da fine stagione e torna a sperare in un posto europeo. Neroverdi mai in partita e sotto di due gol alla fine del primo tempo: apre Defrel e raddoppia Quagliarella. Quindi Boga riaccende le speranze emiliane ma Linetty fa subito tris. A inizio secondo tempo poker di Praet, quindi in gol anche Duncan, Gabbiadini e nel recupero Babacar.

DEFREL E QUAGLIARELLA IN GOL  –  De Zerbi schiera un 3-4-3 con Berardi, Djuricic e Boga in attacco. Lirola e Di Francesco esterni con Duncan e Sensi in mezzo al campo. Difesa a tre composta da Demiral, Ferrari e Peluso. Giampaolo risponde con un 4-3-1-2 con Defrel a supporto di Quagliarella e Gabbiadini in attacco. Linetty, Ekdal e Praet a centrocampo, Bereszynski e Murru esterni con Colley e Andersen al centro della difesa. Dopo un tiro di Di Francesco e uno di Gabbiadini che i portieri controllano, la partita si accende al quarto d’ora: Sensi perde banalmente palla contro Defrel, sfera a destra a Gabbiadini che crossa in area per Quagliarella, assist di testa per Defrel che la stoppa col petto e insacca col sinistro. Dopo la mezz’ora, un Sassuolo privo di idee e spaesato prova ad accendersi con due conclusioni fuori misura di Lirola. Ma è la Sampdoria a raddoppiare al 36′: altra palla persa, stavolta da Duncan sull’attacco di Linetty; lo stesso numero 32 neroverde rimonta e tenta di fermarlo in scivolata, palla che sbatte su Demiral che così serve Quagliarella: destro sul secondo palo e 2-0.

SPERANZA BOGA MA LINETTY FA TRIS – Il match, dopo il gol di Quagliarella, esplode e al minuto 38 il Sassuolo trova la rete: palla a destra a Lirola, cross basso e deviazione sotto porta di Boga per l’1-2 momentaneo. Passa un minuto e la Sampdoria rimette le cose a posto: cross basso dalla destra, velo di Gabbiadini in area, Defrel appoggia dietro a Linetty che col destro non sbaglia e firma il tris ligure. Lungo check VAR dell’arbitro Dionisi che alla fine convalida. Al 45′ Sampdoria vicina al poker: cross di Gabbiadini, tocco di Quagliarella all’indietro e tiro di Linetty, ma tra le mani di Consigli.

PRAET APRE IL SECONDO TEMPO, IN GOL DUNCAN – La partita si chiude praticamente al primo minuto del secondo tempo quando la Sampdoria colpisce ancora: tacco di Quagliarella a sinistra per Murru, cross e mezza girata al volo in scivolata di Praet che firma il 4-1. Il Sassuolo si muove poco ed è prevedibile anche se i nuovi entrati Locatelli e Babacar (fuori Djuricic e Di Francesco) ce la mettono tutta per ribaltare il risultato. Come al 53′ quando Babacar viene anticipato da Andersen che rischia l’autogol. Al 62′ altro raro lampo dei padroni di casa e gol: conclusione col sinistro dal limite di Duncan e una deviazione di Andersen spiazza Audero.

IL TIMBRO DI GABBIADINI, BABACAR NEL RECUPERO – Il gol del 2-4 sembra scuotere un po’ gli emiliani con due occasioni per Berardi e Ferrari. Ma è solo un’illusione perché, dopo aver fermato Quagliarella con una grande parata, Consigli sbaglia un rinvio dal fondo regalando palla ai blucerchiati, azione che si sviluppa con Linetty che serve in area Gabbiadini: destro in diagonale e 5-2 per gli ospiti. Il Sassuolo a questo punto non ci crede più e fatica a costruire qualcosa di buono in avanti. La rete del 3-5 arriva infatti solo nel recupero grazie a un bel destro a giro dal limite di Babacar che limita i danni, ma non evita un pensate ko a De Zerbi.

Sassuolo-Sampdoria 3-5 (1-3)
Sassuolo (3-4-3): Consigli, Demiral, Peluso, Ferrari, Lirola, Duncan, Sensi, Di Francesco (1′ st Babacar), Berardi, Djuricic (1′ st Locatelli), Boga. (28 Satalino, 79 Pegolo, 2 Marlon, 4 Magnanelli, 5 Lemos, 11 Scamacca, 17 Sernicola, 18 Raspadori, 23 Magnani, 98 Adjapong). All.: De Zerbi
Sampdoria (3-4-1-2): Audero, Bereszynski, Andersen, Colley, Murru, Linetty, Ekdal (42′ st Viera), Praet; Defrel (22′ st Jankto), Gabbiadini. Quagliarella (39′ st Sau). (33 Rafael, 72 Belec, 7 Sala, 22 Tavares, 25 Ferrari, 26 Tonelli). All.: Giampaolo
Arbitro: Dionisi dell’Aquila
Reti: nel pt 15′ Defrel, 36′ Quagliarella, 38′ Boga, 39′ Linetty; nel st 1′ Praet, 18′ Duncan, 27′ Gabbiadini, 47′ Babacar
Ammoniti: Duncan e Gabbiadini per gioco falloso
Angoli: 6 a 5
Recupero: 4′ e 3′
Spettatori: 13 mila circa.