Tennis, Miami: Djokovic e Fognini al terzo turno, Giorgi eliminata


MIAMI (STATI UNITI) –  Buona la prima anche se con un po’ di sofferenza. Fabio Fognini, al debutto, supera il secondo turno al “Miami Open”, secondo Atp Masters 1000 del 2019, dotato di un montepremi di 8.359.455 dollari, che si disputa da quest’anno sui campi in cemento dell’Hard Rock Stadium (la “casa” dei Miami Dolphins di football NFL), in Florida. Nella notte italiana il 31enne di Arma di Taggia, numero 17 del ranking mondiale e 15esima testa di serie, ha sconfitto in rimonta l’argentino Guido Andreozzi, numero 80 Atp: 5-7 6-4 6-4 il punteggio, in due ore e 25 minuti, con cui l’azzurro si è imposto nel primo testa a testa con il 27enne di Buenos Aires. Fognini tornerà in campo domenica per sfidare al terzo turno lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 25 Atp e 22esima testa di serie, che ha regolato in due set il serbo Janko Tipsarevic con il punteggio di 7-6(3) 6-4: sarà il decimo confronto diretto fra i due, con il ligure in vantaggio per 7 a 2 nel bilancio dei precedenti.


Tennis, Miami: Djokovic e Fognini al terzo turno, Giorgi eliminata

Lorenzo Sonego

Isner stoppa Sonego, tocca a Cecchinato

Si è invece fermato al secondo turno Lorenzo Sonego. Il 23enne torinese, numero 106 del ranking mondiale, promosso dalle qualificazioni, dopo la bella vittoria contro lo slovacco Martin Klizan, numero 48 Atp (la seconda nel main draw di un “1000” per il piemontese), ha disputato un buon match contro lo statunitense John Isner, numero 8 del ranking mondiale e settima testa di serie, nonché campione in carica, cedendo per 7-6(2) 7-6(7), dopo un’ora e 49 minuti, vedendosi pure annullare con un ace un set point nel tie-break della seconda partita. Sabato ingresso in gara direttamente al secondo turno anche per Marco Cecchinato: il 26enne palermitano, numero 16 del ranking mondiale e 14esima testa di serie, deve vedersela con il bosniaco Damir Dzumhur, numero 53 Atp (il siciliano è avanti 3-2 nei precedenti).

Esordio vincente per Djokovic, fuori Thiem

Ha staccato il pass per il terzo turno anche Novak Djokovic. Il serbo, numero uno del mondo, già sei volte trionfatore a Miami (2007, 2008, 2011, 2012, 2014-2016), nella notte italiana ha debuttato battendo l’australiano Bernard Tomic, numero 81 Atp con il punteggio di 7-6(2) 6-2, in poco meno di un’ora e un quarto. Djokovic agli ottavi affronterà per la prima volta in carriera l’argentino Federico Del Bonis, numero 83 Atp, che ha piegato per 7-5 3-6 7-6(2) l’australiano John Millman, numero 35 della classifica mondiale e 32esima testa di serie. Subito fuori, invece, Dominic Thiem, numero 4 del ranking mondiale e terzo favorito del seeding. Dopo il primo “1000” messo in carniere battendo Roger Federer nella finale di Indian Wells, il 25enne austriaco è stato sconfitto con un duplice 6-4 in un’ora e 17 minuti di gioco dal polacco Hubert Hurkacz, numero 54 del ranking, che al primo turno aveva eliminato l’azzurro Matteo Berrettini.


Tennis, Miami: Djokovic e Fognini al terzo turno, Giorgi eliminata

Camila Giorgi

Giorgi eliminata al secondo turno

Passando al torneo femminile, Camila Giorgi esce di scena al secondo turno del “Miami Open”, Wta Premier Mandatory dotato di un montepremi di 9.035.428 dollari in svolgimento in contemporanea sui campi della Florida. La 27enne marchigiana, numero 31 del ranking mondiale e 29esima testa di serie, che a Miami vanta il terzo turno nel 2015, ha ceduto al secondo turno (per lei l’esordio) per 6-3 6-4, in un’ora e 21 minuti di partita, alla tedesca Tatjana Maria, numero 62 Wta.

Halep e Stephens senza problemi, ok le Williams

Intanto Simona Halep e Sloane Stephens debuttano senza problemi sul cemento di Miami. La rumena, seconda testa di serie, ha eliminato la statunitense Taylor Townsend con il punteggio di 6-1 6-3, mentre l’americana, numero 6 del ranking e 4 del seeding, nonché campionessa in carica ha liquidato per 6-2, 6-3 la tunisina Ons Jabeur, numero 58 Wta. Avanzano anche le Williams sisters. Venus, numero 43 del ranking mondiale, tre volte vincitrice in Florida (1998, 1999 e 2001), si è sbarazzata per 7-6(4) 6-1, in poco meno di un’ora e tre quarti di partita, nonostante il ginocchio destro in disordine, della spagnola Carla Suarez Navarro, numero 29 Wta e 24esima testa di serie, mettendo a segno il settimo successo in dieci confronti. Serena, numero 10 del ranking e del seeding, trionfatrice in questo torneo in ben otto occasioni (2002-2004, 2007, 2008, 2013-2015), ha invece sconfitto per 6-3 1-6 6-1, in un’ora e 37 minuti, la svedese Rebecca Peterson, numero 63 Wta.

Osaka avanti senza brillare, esce Svitolina

In precedenza esordio nel torneo non del tutto convincente per la numero uno del mondo, la giapponese Naomi Osaka, che ha impiegato due ore e nove minuti per riuscire ad avere ragione per 60 67(3) 61 della belga Yanina Wickmayer, numero 141 del ranking mondiale, proveniente dalle qualificazioni. La 21enne di Osaka, vincitrice degli ultimi due Slam, desiderosa di lasciarsi alle spalle quanto prima le sconfitte del secondo turno a Dubai e degli ottavi ad Indian Wells (dove era la campionessa in carica), al prossimo turno troverà Su-Wei Hsieh di Taipei, numero 27 del ranking e del seeding. Subito eliminata, invece, l’ucraina Elina Svitolina, numero 5 della classifica mondiale e sesta testa di serie, sconfitta 6-2, 6-4 nella notte italiana dalla cinese Yafan Wang, numero 50 Wta.

Altri risultati secondo turno: Ka. Pliskova (CZE, 5) b. Martic (CRO) 6-3 6-4, Cornet (FRA) b. Buzarnescu (ROU, 30) 7-6(7) 6-1, Putintseva (KAZ) b. Bencic (SUI, 23) 6-3 7-5, Collins (USA, 25) b. Osuigwe (USA) 7-6(5) 6-0, Hercog (SLO) b. Doi (JPN) 7-6(4) 6-4.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica