Torino, Mazzarri non si fida: “Il Frosinone ha messo in difficoltà un po’ tutti”


TORINO – Obiettivo proseguire la striscia positiva iniziata a gennaio. Il Toro che non perde da sei partite (quattro vittorie contro Inter, Udinese, Atalanta e Chievo, e due pareggi contro Spal e Napoli) non vuol fallire nella trasferta di domenica a Frosinone. Lo pretende il tecnico Mazzarri che tiene alta la guardia al cospetto di un avversario motivatissimo e pericoloso.

Walter Mazzarri, che squadra è il Frosinone che affrontate domenica?
“Da quando in panchina c’è Baroni il Frosinone ha messo in difficoltà un po’ tutti. Hanno giocatori come Ciano che ci hanno creato problemi già all’andata, quando rischiammo di pareggiarla e in più ci sarà la difficoltà ambientale in uno stadio bollente. Ecco perché dico che sarà dura”.

Che settimana è stata a livello di gruppo dopo il Chievo?
“Ho rotto le scatole ai giocatori perché non voglio correre rischi di sottovalutare l’avversario. Contro il Chievo è arrivata una vittoria ma non mi è piaciuta e quindi in settimana abbiamo lavorato anche in quella direzione”.

Ci dobbiamo aspettare cambiamenti a livello di formazione?
“Prima di fare le scelte ho ancora una seduta di rifinitura. Qualcosa si cambierà, ma la formazione titolare non l’ho ancora decisa”.

Gli ultimi due gol su azione di Belotti sono arrivati su assist di Zaza. Ne terrà conto?
“Certo che lo tengo in considerazione. Ma contro il Chievo si è visto che le partite si vincono e si perdono in 14. Questo è il calcio moderno e lo si è visto con gli ingressi di Rincon e Zaza. Anzi, torno a dire che nel calcio contemporaneo servirebbe anche il quarto cambio”.

Come stanno Lukic e Aina?
“Lukic si è fermato ieri a causa di un problema al polpaccio: aspettiamo il responso dell’ecografia. Aina invece oggi è tornato in gruppo. Valuteremo le condizioni di entrambi domani mattina”.