Uefa, Neymar nel mirino: procedimento disciplinare per offese all’arbitro


NYON – Neymar nel mirino della Uefa.  La federazione europea infatti ha aperto un’indagine disciplinare sul brasiliano del Paris Saint Germain, subito dopo il ritorno degli ottavi di Champions perso col Manchester United. Il fuoriclasse è chiamato a rispondere della violazione dell’articolo 15 per “atti offensivi e molestie contro gli ufficiali di gara” dopo le esternazioni sui social del brasiliano all’indirizzo del Var.

L’ATTACCO SOCIAL DI NEYMAR SOTTO ACCUSA – Neymar aveva attaccato via social la direzione dell’arbitro sloveno Skomina. “E’ una vergogna – aveva tuonato il brasiliano su Instagram  – Hanno messo quattro persone che non capiscono di calcio a guardare un movimento al rallenty davanti a una tv. Non c’è niente, come può mettere le mani altrove?”, ha scritto riferendosi al gomito con cui Kimpembe intercettava la conclusione di Dalot e punito col rigore che è di fatto costato l’eliminazione al Psg. Nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League infatti, i francesi hanno poi perso 3-1 al Parco dei Principi contro il Manchester United.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica